Il Busto Mistero ospita una selezione di opere dell'artista doglianese

 

Le scene e i costumi della lirica nell'Opera visionaria di Diatto

 

Non cercate locandine che la pubblicizzino: unico indizio che rivela la presenza di una mostra di Claudio Diatto presso il Busto Mistero, in via Elvio Pertinace, ad Alba, sono alcune coloratissime serigrafie dell'artista esposte in vetrina.
Si entra quindi nel negozio, si supera la coltre preziosa di tappeti, si scende per una ripida scaletta dove continuano gli indizi: altre immagini dell'artista appese alle pareti. Ci si trova allora in una cantina perfettamente ristrutturata con le volte a botte ed i mattoni a vista. piccole cornici ai muri definiscono quelli che a prima vista possono sembrare lavori dal tocco infantile e geometrico. Avvicinando lo sguardo però, di colpo l'immagine acquista profondità e rivela la sua fattura composita. Ogni soggetto prende forma grazie ad un minuzioso gioco di sovrapposizioni: l'intero è scomposto e restituito in precisi intagli di carta, incollati strato su strato. E tra ogni strato si insinua la luce creando accattivanti giochi di ombre. Il canto e il sogno i motivi conduttori di questa selezione di opere di Diatto, scelte tra le cinquanta di cui si compone "Opera visionaria": un lavoro grandioso, ispirato a quattro opere liriche La Traviata, Carmen, La Carriera di un libertino e La Cenerentola.
Per ogni opera la creazione dei costumi dei personaggi principali e la costruzione delle scene e questo per sei mesi di intenso lavoro, durante i quali Diatto ha inoltre realizzato una cartella di quattro serigrafie in sessanta esemplari. La solennità della lirica, modulata dalla morbidezza del sentimento o esasperata in tragedia si rarefà nelle immagini di Diatto in atmosfere oniriche sospese o si traduce in toni delicati e giocosi. E si apre ad accogliere i segni consueti con cui si concreta l'immaginario di Diatto: il bosco, il vascello con il suo fumaiolo, la luna legata a terra, l'orologio (...)

sabato 6 dicembre 1997,
Cristiana Lelli

 

 

torna a moleskine